Sistema Arianna - Base Dati

Il software


© 2004-2017
Alberto Santoro
aggiorn: agosto 2017

Introduzione

Dato il taglio illustrativo e non tecnico di questa presentazione e nell´intento di offrire una lettura per quanto possibile scorrevole intendo dare una panoramica sufficientemente completa (anche se non esaustiva) della banca dati del sistema con un elenco organizzato in assiemi omogenei per logica di trattamento e di utilizzo.

Per i termini più significativi e/o che sono relativi ad entità specificatamente attinenti alla filosofia e alle metodologie proprie del sistema fornisco una maggiore definizione.

torna su

Utenti

Oltre che la codifica e descrizione per ciascuna utenza riportano:

  • indicazioni di relazione e/ o dipendenza da altri utenti
  • definizione e gestione dei protocolli
  • definizione e gestione delle riservatezze proprie del sistema
  • specifiche dell´orario di lavoro aziendale (eventualmente corretto in ambito di centro di responsabilità)
  • configurazione delle postazioni di lavoro
  • indicazioni di scelta per moduli opzionali
  • indicazioni di scelta della valuta di conto contabile
  • indicazioni di scelta per determinati criteri di codifica
  • ecc.

torna su

Organigramma Funzionale

Dettaglio della gerarchia operativa dell´intera struttura, sia essa un settore aziendale, un´intera azienda, un gruppo di aziende.
Può comprendere anche unità esterne, ma in stretta relazione funzionale.
Per ogni unità le informazioni minime sono: codice, descrizione, unità superiore.

torna su

Piani di riferimento

Contengono informazioni su entità complesse, organizzate su più livelli, secondo una struttura tipicamente gerarchica.

  • Piano di bilancio, comprendente, oltre alle voci di patrimoniale, economico e d´ordine, le voci di riclassificazione e le formule di calcolo per gli indici di bilancio
  • Piano degli impegni, contenente programmi per funzioni di presidio, di progetto, di commessa. Ogni programma è articolato in fasi operative.
    Ogni fase operativa è a sua volta articolata in attività.
    Programma e fase prevedono ciascuna il loro orizzonte temporale di riferimento.
    Su ogni fase operativa / attività vengono attribuiti gli impegni di risorse e risultati, in quantità e valore (standard).
    Ogni impegno è registrato, in parallelo, sul Planning Generale.
  • Planning generale. É lo strumento fondamentale per la visione gestionale dell´intera azienda, e la produzione di report e grafici con dati previsionali, effettivi e scostamenti su funzioni di presidio, progetti, commesse, in sintesi, e nel dettaglio delle attività e di tutte le tipologie di risorse interessate.
    L´unità elementare è giornaliera.
    La gestione è totalmente automatica.
    I dati di previsione derivano dalla preparazione del piano degli impegni
    I dati effettivi derivano dalle registrazioni di monitoraggio (automatiche o dirette)
  • Piano di gestione. Distinto in piano di sintesi e piano di dettaglio.
    Le voci di sintesi comprendono e sono in relazione alle tipiche voci di piano di bilancio.
    Le voci di dettaglio, gerarchicamente sotto le voci di sintesi, sono il repertorio completo di quelle che comunente sono denominate voci di spesa o voci di costo/ricavo, in ottica extracontabile.
    Le voci di dettaglio sono organizzate per tipologia (risorse umane, macchine, beni e servizi, ecc.), e per ciascuna sono previsti gli standard di riferimento.
    In linea di principio ogni voce è, o può essere un livello di sintesi delle voci residenti sui cataloghi di riferimento (vedere sotto)
  • Distinta Base.(DB) o bill of material (BOM) è il termine usato in campo industriale per identificare un elenco dei componenti (items) di un determinato prodotto.
    Per ogni componente è indicata la quantità necessaria, in riferimento ad una unità di prodotto.
    Il prodotto in questione può essere in realtà un componente lui stesso.
  • Cicli di lavoro: specifiche di fasi ripetitive di processo per unità o lotti di semilavorati e prodotti finiti
  • Lavorazioni: schema analitico delle lavorazioni (esterne) in relazioni a operazioni di ciclo passivo e in relazioni ai fornitori abilitati ad eseguirle

torna su

Operazioni

è lo strumento base di scelta, guida, impostazione, controllo implicito, gestione funzioni automatiche, che governano tutte le operazioni eseguite nel sistema.

In linea di principio un elemento di piano delle operazioni comprende: un codice, una breve descrizione, una serie di indicatori di classificazione e seguenza nel piano stesso, uno o più valori di default per i soggetti trattati e la logica di trattamento

torna su

Cataloghi

Contengono informazioni su entità semplici, ma di importanza fondamentale e di utilizzo diffuso per tutto il sistema. Per ciascuna entità possono coesistere più archivi paralleli: il catalogo contiene sempre le cosidette informazioni anagrafiche, e di relazione, informazioni di natura fissa, non influenzate dalla dinamica delle elaborazioni.

Le informazioni di tipo dinamico sono residenti negli archivi dei valori di riferimento (vedere sotto).

Gli standard di riferimento invece sono tutti sotto la corrispondente tipologia nel piano di gestione.

  • Prodotti: Il prodotto (tale denominazione secondo l´accezione ISO è un mix che comprende anche qualsiasi tipo di servizio) è quello finale fornito al cliente ed è anche il riferimento su cui la struttura imposta i suoi piani strategici e verifica efficienza ed efficacia complessiva.

  • Risorse Umane: intese come tipologia di risorse, sia interne che esterne.

  • Macchine: Qualsiasi mezzo per il trattamento, meccanico, fisico, chimico, ecc., utilizzato in una specifica attività e per una qualsiasi tipologia di prodotto o servizio, compresi i servizi interni alla struttura.
    Nota: É in stretta relazione con il catalogo (libro) dei cespiti, del quale rappresenta una versione sintetica e strettamente oprativa.

  • Materie prime: qualsiasi risorsa materiale fisicamente incorporata in un qualsiasi prodotto

  • Attrezzaggi, Corredi, Imballi: altre risorse materiali non fisicamente incorporate nel prodotto, ma che che concorrono alla sua produzione unitaria e alla sua veste finale

  • Beni e servizi: Qualsiasi bene materiale di consumo utilizzato nei processi aziendali.
    Sono beni sia i materiali di consumo quali ad esempio la cancelleria, carta per fotocopie, moduli prestampati, ma anche acqua, energia elettrica, ecc.

  • Voci struttura: Tutte quelle risorse il cui impiego non è attribuibile specificatamente a una determinata attività, e/o sono impiegate per più attività contemporaneamente.

  • Attività: unità di lavoro significativa nel contesto della struttura a cui si riferisce.
    É l´unita elementare di processo e può prevedere una durata definita, risorse in entrata (comprese informazioni) e un determinato risultato in uscita

  • Risultati Qualunque cosa di materiale o immateriale prodotto da una attività e generalmente acquisito come risorsa da un´altra attività. Come tale sono i soggetti primari di attenzione nell´analisi dei processi ed in particolare nella costruzione dei legami di processo che viene rappresentata in forma grafica tramite la rete dei processi

torna su

Valori

Contengono essenzialmente valori caratteristici su entità semplici, in linea di massima le stesse dei cataloghi di riferimenti, dei quali costituiscono una ramificazione logica.

A secondo del tipo di entità contengono: dati di inventario, giacenze, dotazioni, ecc. Insiemi complessi di valori di riferimento, quali, ad esempio i listini, sono residenti a parte.

torna su

Risultati

Contengono essenzialmente risultati delle elaborazioni caratteristiche sulle entità primarie, quelle dei piani di riferimento, dei quali costituiscono una ramificazione logica.
Tra questi anche i consolidati, ossia un insieme delle registrazioni, sia in quantità che in valore, aggregate secondo le esigenze industriali / gestionali (centro e voce di costo) e distinte in budget, riprevisione e consuntivo.

torna su

Tavole di descrizione, codifica, riferimento, specifiche di trattamento, corrispondenza

Contengono informazioni essenzialmente utili a decodificare entità elementari secondarie e ad assumere variabili di calcolo e parametri di elaborazione, stabilire relazioni tra codifiche, anche esterne ad Arianna.

Come per i cataloghi di riferimento è sempre prevista una o più tavole base per le informazioni fisse, e serie di tavole, anche complesse, per parametri e valori di riferimento.

torna su

Giornali

Archivi gestiti in modo totalmente automatico dal sistema, in cui rimane traccia, nel giorno, di tutte le registrazioni acquisite, qualunque sia la fonte e la modalità.

torna su